Argento Colloidale: controindicazioni


L’argento colloidale è un minerale naturale, è comporto da particelle d’argento a carica ionica positiva sospese in un liquido puro. Questa carica positiva permette l’azione immediata ed efficace contro i batteri e i virus presenti nell’organismo. I prodotti presenti sul mercato sono numerosi, la cui concentrazione di argento va da 5 a 20ppm (parti per milione); la più consigliata è quella da 10ppm.

Argento colloidale puro, le controindicazioni

L’argento colloidale puro può essere utilizzato sia per “uso esterno”‘ che per “uso interno”; il primo tendenzialmente non provoca alcun tipo di fastidio né disturbo ed è riconosciuto a livello internazionale, il secondo, invece, potrebbe comportare alcune controindicazioni. L’argento colloidale per uso esterno è privo di particolari indicazioni poiché agisce sulla pelle senza provocare alcun effetto collaterale; quello ad uso interno ha bisogno di alcuni accorgimenti previo uso.

Prima dell’assunzione dell’argento colloidale per via interna è bene accertarsi della qualità del prodotto che si sta consumando, è consigliabile, infatti, l’acquisto in farmacia (è sempre consigliabile l’acquisto di argento colloidale puro) oppure presso rivenditori online specializzati del settore omeopatico e dei minerali colloidali come argentocolloidale-italia; non bisogna mai esagerare nei dosaggi e anche in questo caso, è consigliabile un consulto medico previa assunzione.


Per quanto riguarda l’uso prolungato di argento colloidale controindicazioni possibili, da non sottovalutare, potrebbero consistere nell’interazione tra argento colloidale ed alcuni farmaci; un possibile squilibrio della flora batterica intestinale ed eventuali reazioni allergiche.

Quando parliamo di prodotti naturali, parliamo tendenzialmente di prodotti il cui utilizzo non provoca particolari effetti collaterali, tuttavia, come in precedenza affermato, bisognerà comunque fare attenzione a determinati punti: la qualità del prodotto e la posologia. Per quanto riguarda la qualità, in questo caso si dovrà acquistare un prodotto a base di argento colloidale puro, la cui concentrazione dovrà essere di 10ppm; per quanto riguarda la posologia, invece, bisognerà seguire le indicazioni del proprio medico di fiducia.

Argento colloidale ionico: controindicazioni

L’argento colloidale controindicazioni importanti non ne ha a meno che non si utilizzi un prodotto di bassa qualità. Le soluzioni di argento, ovvero quelle a base di argento colloidale ionico o di bassa qualità, potrebbero avere come controindicazione la”argiria”, sebbene sia un effetto collaterale molto raro. Questa rarissima patologia è caratterizzata da un cambiamento permanente del colore dell’epidermide, trasformando la pelle di un colore grigio -bluastro causato dal deposito di ioni e nitrati di argento.

Per questo motivo, come ho in precedenza affermato, è molto importante acquistare argento colloidale puro, sicuro e di qualità. Con l’utilizzo di tali prodotti non è mai stato riscontrato alcun caso di argiria. L’argiria è causata da un elevatissimo assorbimento di argento elementare, nitrato di argento, argento ionico e argento proteinato. La concentrazione ottimale, per procedere all’assunzione senza incorrere in elevati depositi di argento nell’organismo, varia  da 10 / 20 ppm, risulta quindi del tutto inutile utilizzare prodotti con alte concentrazioni.

Purtroppo, anche in Italia, si trovano in commercio prodotti che hanno un’alta concentrazione in ppm fino ad arrivare anche a 100 o 1000 e questi possono avere controindicazioni ed effetti collaterali.

L’argiria, salvo rarissimi casi, rimane solo e comunque un problema di natura estetica. L’argento colloidale, nonostante alcuni accorgimenti resta l’ideale per combattere i germi patogeni, non creando alcun problema al sistema immunitario che invece risulta sostenuto e rinforzato. Può succedere che durante l’assunzione prolungata, si avvertano alcune leggere controindicazioni dell’argento colloidale, come ad esempio il peggioramento dei propri sintomi; ciò è dovuto ad una reazione dell’organismo conosciuta come “reazione di Herxheimer”, causata dall’alto numero di germi patogeni uccisi all’interno dell’organismo, che provocano un temporaneo status febbrile. Appena gli organi emuntori svolgeranno la loro azione si avrà il risultato positivo di aver favorito l’azione battericida.

Per questo motivo, si consiglia di bere molta acqua naturale durante il periodo di utilizzo. Nel caso in cui tale controindicazione dell’argento colloidale sia particolarmente fastidiosa, basterà sospenderne l’assunzione per un determinato periodo e tutto tornerà alla normalità. I soggetti allergici all’argento non devono utilizzare l’argento colloidale, anche se le allergie all’argento sono rarissime.