Colite Ulcerosa: scopriamo meglio questa patologia


Una delle patologie più brutte in circolazione è senz’altro la colite ulcerosa. Quest’ultima per chi ancora non lo sapesse si manifesta prevalentemente con sintomi di natura intestinale. Le cause purtroppo ad oggi non sono molto chiare, ma una sana alimentazione e alcuni rimedi efficaci possono dare una grossa mano a tenere sotto controllo questo fastidiosissimo problema.

Colite Ulcerosa

 

La colite ulcerosa è una forte infiammazione dell’intestino a carico degli strati superficiali della mucosa. Inizialmente il disturbo colpisce la zona rettale e a lungo andare può allargarsi fino al colon creando grossi problemi all’individuo colpito. Nella fase iniziale della patologia si una una mucosa arrossata e molto facilmente si può perdere del sangue dalle feci; nei casi più critici invece si può arrivare niente meno alla comparsa di vere ulcere molto pericolose.




La colite ulcerosa in pratica è una malattia infiammatoria piuttosto brutta che colpisce l’intestino e per questo i sintomi sono molto brutti. Gli individui colpiti da tale patologia avvertono una costante diarrea, anche senza nessun sanguinamento. La diarrea il più delle volte è associata a fortissimi dolori all’addome ed emissione continua di muco rettale. In alcune circostanze potrebbero insorgere sintomi come la febbre e un repentino dimagrimento, a causa del calo eccessivo dell’appetito e sopratutto di un assorbimento non corretto dei cibi che si ingeriscono.

Bisogna stare molto attenti che il dimagrimento potrebbe essere notevolissimo, visto che il soggetto può arrivare a perdere anche la bellezza di 15KG nel giro di un paio di settimane. Questo genere di malattia, comunque, potrebbe non mostrare alcun sintomo costante. E’ tipico della colite ulcerosa, infatti, l’alternare periodi di benessere con fasi caratterizzate da sintomi significativi. Purtroppo, come già detto ad inizio articolo, le cause vere e proprie della colite ulcerosa non si conoscono, anche se rispetto al passato sono stati fatti passi da gigante.

Leggi anche: Colite emotiva: ecco come curarla

Ciò che infatti hanno scoperto gli scienziati, è che non è lo stress il responsabile numero dell’insorgere di tale patologia, anche se tuttavia bisogna evidenziare che può contribuire e non poco a favorire l’infiammazione. Altri studi, invece, sostengono che la colite ulcerosa possa essere provocata da virus o un batterio, che può di conseguenza andare ad alterare la risposta infiammatoria dell’organismo. Altri ancora parlano addirittura di una patologia scatenata da un allergene, con cause sia alimentari che batteriche.

La dieta ha un ruolo da protagonista nella colite ulcerosa? sono davvero tanti gli studi fino ad oggi fatti in questa direzione. Si è indagato molto sul latte, ritenuto in passato il responsabile numero uno del problema, in maniera particolare con intolleranza o allergia al lattosio. Anche se a riguardo non abbiamo niente in merito, la scienza ritiene che la colite ulcerosa possa essere favorita da una dieta piena di grassi e povera di fibre.

Cosa mangiare dunque? E’ importante per non aggravare il problema, ridurre o eventualmente consumare meno latte. Si possono mangiare Yogurt ma è tassativo abolire i formaggi piccanti. Ecco ciò che bisogna evitare: consumo alto di legumi, peperoncino, curry, noce moscata, pepe, piccanti, bibite gassate, te’, caffè e gli alcolici. Consigliamo di eliminare anche il cioccolato. Consigliati invece i semi di lino e pesce, carni bianche, verdure e frutta. Soprattutto per rimanere ben idratati bere almeno due litri di acqua al giorno.

Se la malattia a lungo andare si aggrava è obbligatorio il ricovero. Questo solo se la colite ulcerosa non guarisce ne con i farmaci ne con una corretta alimentazione. Mi raccomando, provate prima a mangiare bene e sicuramente, se la colite ulcerosa non è già in uno stato avanzato, qualche piccolo miglioramento lo noterete sicuro.