Denti e problemi: come risolvere


Chi ha sofferto di mal di denti sa quanto questi possono dare problemi e quanto il dolore sia lancinante. Ecco perchè è buona regola non arrivare mai dal dentista quando i problemi sono già gravi, ma andare periodicamente dal proprio medico di fiducia e farsi controllare.

Sicuramente c’è bisogno di un rapporto di fiducia con il proprio dentista, del resto deve pur lavorare nella nostra bocca con trapani e iniezioni! L’ideale è trovare un dentista che sia professionale e che possa offrire anche soluzioni di pagamento agevolato e che abbia anche un sito chiaro in cui poter reperire tutte le informazioni necessarie per valutare lo studio dentistico, come www.dottorcarnabuci.it

Denti e problematiche più comuni




La carie sono sicuramente le più conosciute e dipendono da un’infezione dei tessuti duri del dente, lenta e distruttiva, innescata dai microorganismi che popolano il cavo orale. Ad esserne colpiti sono sicuramente i molari, i premolari e gli incisivi superiori. La carie non può guarire da sola poichè i tessuti dentali non hanno capacità rigenerativa. L’unica soluzione per porre rimedio al processo cariogeno è la rimozione del tessuto cariato e la ricostruzione del dente mediante un’otturazione.

Un altro problema che affligge la maggiorparte della popolazione è il sanguinamento gengivale, dovuto ad un processo infiammatorio delle gengive stesse. Un sintomo, questo, da non sottovalutare, dato che può evolvere in una malattia degenerativa chiamata parodontite e, secondo recenti studi, accrescere il rischio cardiovascolare. Una volta individuate le cause d’origine sarà il dentista a consigliare il trattamento più idoneo. Nelle infiammazioni acute potrà consigliare appositi colluttori, o in alternativa un rimedio casalingo a base di acqua ossigenata allungata con acqua naturale, da usare per risciacqui orali senza ingerire.

Non ultimo l’alitosi, affligge molte persone e le cause sono numerose e spesso riflette un problema locale; denti cariati o affetti da piorrea, così come una cattiva igiene orale o può nascondere problematiche più gravi ecco perchè è meglio farsi vedere da un bravo dentista.

Prevenzione

Il modo migliore per prevenire la comparsa di emorragie gengivali, di dolore o la prematura caduta dei consiste in un’adeguata igiene orale, eseguita con uno spazzolino a setole morbide, affiancato da dentifrici poco aggressivi e specifici per gengive sanguinanti .

Oltre che su un corretto spazzolamento dopo ogni pasto principale, la prevenzione della gengivite e dei denti passa anche dall’utilizzo del filo interdentale. E’ buona regola anche procedere con la pulizia dei denti ogni sei mesi.