Integratori di olio di pesce e ADHD


Ciò che i consumatori devono sapere sulla scelta e l’uso di integratori di acidi grassi Omega-3 o Omega-6 per l’ADHD. L’integrazione con acidi grassi polinsaturi (PUFA), come l’olio di pesce, non è un trattamento approvato dalla FDA per l’ADHD. Le prove del suo effetto sull’ADHD sono miste. Due recenti meta-analisi (un’attenta analisi statistica di molti studi) hanno concluso che ha un piccolo beneficio per i sintomi dell’ADHD, ma un’altra recensione ha concluso “ci sono poche prove che l’integrazione con PUFA fornisca alcun beneficio per i sintomi dell’ADHD in bambini e adolescenti”. Ovviamente sono necessarie ulteriori ricerche. Le prove attualmente disponibili suggeriscono quanto segue: Qualsiasi beneficio derivante dall’integrazione con acidi grassi è relativamente modesto rispetto al trattamento con farmaci prescritti dalla FDA per il trattamento dell’ADHD.

Qualsiasi beneficio richiede 3 mesi per maturare. I PUFA sono acidi grassi essenziali, necessari alla salute. Come vitamine e minerali, sono necessarie solo piccole quantità al giorno. Potrebbero esserci dei rischi per grandi quantità, specialmente se non accompagnate da vitamine antiossidanti come E e C. Esistono due tipi di acidi grassi essenziali: omega 3 e omega-6. La maggior parte delle diete moderne ha un sacco di omega-6, ma l’omega-3 è relativamente scarsa.

I 3 PUFA omega-3 principali sono EPA (20 atomi di carbonio lunghi), DHA (22 atomi di carbonio) e acido alfa-linolenico (ALA, 18 atomi di carbonio). I primi due si trovano principalmente negli oli marini (pesce, krill, foca, balena). L’ALA si trova in alcuni oli vegetali, come l’olio di semi di lino. In teoria, il metabolismo umano dovrebbe essere in grado di produrre EPA e DHA da ALA, ma vi è il sospetto che alcune persone abbiano una carenza di tale metabolismo. Pertanto, l’accento è stato posto sull’assunzione diretta di EPA e DHA.


I risultati più promettenti sono stati con una combinazione di EPA, DHA e uno dei PUFA omega-6 chiamati acido gamma-linolenico (GLA). Ma il più importante di questi potrebbe essere l’EPA. Una meta-analisi ha trovato una dose-risposta per EPA. Non tutti gli integratori PUFA sono uguali. Le formulazioni differiscono nelle proporzioni dei vari acidi grassi. Quantità moderate di PUFA omega 3 possono essere buone per la salute cardiovascolare e generale anche se non aiuta l’ADHD. Ci sono due modi per ottenere acidi grassi omega-3 EPA e DHA: mangiando pesce oceanico selvatico untuoso 3 volte a settimana o assumendo integratori giornalieri di olio marino. Ci sono avvertenze per ogni modo.

Se mangiare il pesce è il mezzo prescelto, è importante assicurarsi che sia un pesce oceanico selvatico, non allevato in fattoria. I pesci allevati in allevamento, anche se allevati nell’oceano, sono a basso contenuto di PUFA omega-3. Vi è un certo rischio di contaminazione da mercurio nei pesci oceanici, a seconda della fonte geografica. I pesci fritti hanno il rischio di friggere i grassi trans, quindi si preferiscono grigliare, grigliare, arrostire o addirittura bollire.

Se la supplementazione è il mezzo scelto, l’olio dovrebbe essere privo di mercurio. Controlla l’etichetta per vedere se è contrassegnato come “privo di mercurio”, “raffinato per eliminare il mercurio” o “USP”. Si può anche vedere uno di questi due sigilli di qualità che indicano che è privo di importanti contaminanti: Se si utilizza l’olio di pesce, l’olio per il corpo viene preferito rispetto all’olio di fegato (poiché l’olio di fegato contiene meno grassi omega-3 e più oli saturi). ebbene l’olio di fegato di merluzzo sia ricco di acidi grassi omega-3, non è raccomandato come supplemento a causa delle preoccupazioni per quantità eccessive di vitamina A e D. Allo stesso modo, l’olio di semi di lino contiene anche alti livelli di acidi grassi omega-3; ma, non è la forma raccomandata di supplemento di acido grasso per i bambini con ADHD.