Sodio


Il sodio è un elettrolita che svolge il ruolo di manutentore di nervi e muscoli e della loro composizione cellulare. È presente in tutto l’organismo ma soprattutto all’interno dei sistema circolatorio, se risulta in eccesso viene solitamente filtrato ed espulso attraverso i reni. Il sodio inoltre può modificare anche le concentrazioni di acqua totali che circolano nell’organismo. In generale, il quantitativo standard di sodio all’interno del liquido ematico è pari a 135-145 mmol/L.

Sodio

Dato che il sodio può determinare anche la percentuale di acqua presente nell’organismo è importante che esso sia presente in quantitativi equilibrati al fine di favorire la costante e naturale idratazione interna. Quando i quantitativi sono insufficienti si parla di iponatriemia mentre, se risultano al di sopra della norma, di ipernatriemia. Patologie causate dell’iponatriemia possono essere cirrosi, diarrea, enfisema , edema, insufficienza cardiaca o renale, iperglicemia, vomito e ipotiroidismo, solo per citarne alcuni. Viceversa, patologie correlate all’ipernatriemia si ha a che fare con patologie che provocano ulteriori complicazioni alle funzioni renali, disidratazione, tracheobronchite e diabete.


La sintomatologia correlata a un eccesso di sodio nel sangue porta a provare stati d’ansia e di nervosismo incontrollati accompagnati dall’inaridimento delle mucose e dall’assunzione eccessiva di acqua per spegnere una sete immotivata e spropositata. Con un quantitativo insufficiente di sodio si hanno casi di indebolimento dell’organismo e perdita di concentrazione. In entrambi i casi si rischiano le convulsioni e il coma.

Prima di eseguire una verifica dal quale estrapolare il quantitativo effettivo di sodio è bene informare il medico se si sta seguendo una terapia farmacologica a base di antibiotici, corticosteroidi, lassativi, contraccettivi e sciroppi (possono causare ipernatriemia) o diuretici e antidepressivi (possono favorire l’insorgere di iponatriemia). L’esame per capire se vi è uno squilibrio elettrolitico può essere fatto in qualsiasi momento poiché fa parte di quegli accertamenti medici che vengono eseguiti anche in assenza di una particolare sintomatologia e prima di esso non è richiesto alcun accorgimento specifico.