I rimedi per rallentare la caduta dei capelli


capelli che sono stati danneggiati da trattamenti eccessivamente aggressivi risultano opachi e cadono in maniera più copiosa rispetto al normale. Anche in seguito a una dieta dimagrante è probabile che i capelli tendano a spezzarsi con una certa facilità, così come in occasione del cambio di stagione o nei periodi che denotano un forte stress. In tutte queste circostanze, quindi, è essenziale individuare i rimedi giusti per fare in modo che la chioma ritrovi la lucentezza e la forza di un tempo. Non tutti i prodotti sono uguali a questo scopo: lo shampoo, per esempio, deve contenere principi attivi mirati ma al tempo stesso essere delicato, così che i capelli più deboli possano essere rinforzati. Se si è indecisi nella scelta, non bisogna aver timore di chiedere un consiglio al farmacista, anche tenendo presente che spesso i prodotti per gli uomini sono diversi da quelli per le donne.

Il balsamo e la maschera

Il balsamo è un aiuto prezioso, ma non si può dimenticare l’importanza della maschera, a cui si deve ricorrere con una certa frequenza: non meno di una volta a settimana. Il compito della maschera è quello di garantire un’azione ristrutturante e nutriente tanto intensa quanto profonda.

Come scegliere la maschera

Le maschere da preferire sono quelle che contengono la vitamina A, la vitamina B e la vitamina E, ma anche l’estratto di miglio, l’acido ialuronico, la cheratina e il collagene. La maschera, che per poter funzionare nel migliore dei modi dovrebbe essere arricchita con oli essenziali vitaminizzanti, va usata in seguito allo shampoo: la si mantiene in posa per circa una decina di minuti tenendo i capelli avvolti all’interno di un asciugamano in modo che i principi attivi possano penetrare con più facilità. Sul mercato, però, ci sono anche maschere che vanno applicate prima di fare lo shampoo.

Le fiale servono veramente?

I risultati che vengono garantiti dalle migliori fiale anticaduta capelli sono di provata efficacia: una cura extra di questo tipo deve durare non meno di 90 giorni. Le fiale vanno applicate con un breve massaggio direttamente sul cuoio capelluto, senza risciacquare, una o due volte alla settimana. In alternativa si può optare per le lozioni, che sono disponibili sotto forma di spray o in gocce: in questo caso l’applicazione deve essere quotidiana. Le formulazioni che caratterizzano questi prodotti coniugano l’effetto di una vera e propria cura con un’azione preventiva.

I risultati assicurati dalle fiale anticaduta

Le fiale sono sviluppate e messe a punto per far sì che il cuoio capelluto diventi più denso: viene agevolata la ricrescita dei capelli e al tempo stesso si rallenta la loro caduta. I principi attivi da ricercare sono rappresentati dagli oligoelementi come il magnesio, lo zinco e il rame. Lo scopo è quello di garantire ai bulbi il nutrimento di cui hanno bisogno per produrre fusti nuovi e più sani: servono, tra l’altro, le vitamine del gruppo B e gli acidi grassi, così come le cellule staminali e un gruppo di aminoacidi che comprende la glicina, la metionina e la taurina.

Curare il cuoio capelluto ogni giorno

La cura del cuoio capelluto passa anche dalle abitudini di tutti i giorni: occorre, per esempio, praticare piccoli massaggi circolari con impacchi di olio di oliva per riattivare la microcircolazione. Inoltre, grazie ai massaggi viene incrementata l’ossigenazione dei follicoli. I cattivi comportamenti alimentari sono nemici delle nostre chiome, così come lo smog, che può favorire la desquamazione della cute e causare irritazioni e pruriti molto fastidiosi.